Palermo-Empoli 0-0, il commento

By
Updated: marzo 1, 2015

Molto spettacolo, tante occasioni, nessun gol. Per la prima volta in stagione il Palermo pareggia 0-0. E’ l’Empoli ad imporre il pari ai rosanero, che centrano il decimo risultato utile consecutivo al “Barbera” ma non riescono a centrare i tre punti nonostante le numerose chance create.

Iachini non cambia. Il tecnico di Ascoli si affida nuovamente al 3-5-2, sostituendo lo squalificato Barreto con Chochev e reinserendo Rigoni dopo la squalifica. In difesa si registra il rientro di Vitiello, mentre in avanti il tandem è il solito Dybala-Vazquez. Sarri risponde con il 4-3-1-2, con Saponara a supportare Maccarone e Tavano.

I primi venti minuti del Palermo sono uno spettacolo. I rosanero saltano sistematicamente i difensori toscani e costruiscono numerose occasioni. Già al 2’ Dybala viene innescato sul lato corto dell’area da Vazquez, ma il sinistro del numero 9 finisce alto. Un minuto più tardi l’argentino è protagonista di un bello scambio con Morganella, che lo libera nuovamente al tiro. La conclusione a giro, leggermente deviata da un difensore, finisce per pochi centimetri in corner.

L’Empoli prova a rispondere al 9’. Maccarone scappa via sulla sinistra ed effettua un tiro-cross molto pericoloso, sventato dalla difesa di Iachini con qualche affanno. Ma è un flash, perché a fare la partita sono solo Dybala e compagni. Un fantastico “uno-due” fra la “Joya” e Rigoni, che taglia fuori tutta la difesa empolese, permette al numero 9 di concludere. Sepe salva miracolosamente, ma nulla potrebbe un minuto più tardi su un missile di Vazquez da fuori area. Il sinistro del “Mudo” si infrange sulla traversa. Nove minuti più tardi il fantasista ci riprova con un tiro da posizione defilata che non inquadra la porta.

Nella formazione toscana Maccarone è decisamente l’uomo più pericoloso, che tiene in allarme la linea difensiva di Iachini. Al 31’ Valdifiori riesce ad entrare in area dalla sinistra e serve centralmente l’ex attaccante del Palermo. Il numero 7 degli azzurri conclude a botta sicura, Sorrentino salva il risultato con un grande intervento.

Il Palermo prova ad affidarsi anche agli schemi su palla inattiva. Al 33’, su un bel cross di Dybala, la sponda di Gonzalez libera alla conclusione Chochev. Il tiro del bulgaro viene bloccato da Sepe. Nel finale Iachini è costretto alla prima sostituzione. Morganella, fermato con un duro intervento da Mario Rui, viene sostituito da Rispoli. Il numero 3 viene subito ammonito per un fallo sull’esterno dei toscani.

La squadra di Iachini ha speso molto nel primo tempo. Il conto arriva nella ripresa, con una manovra meno precisa e un ritmo decisamente inferiore. Gli ospiti arrivano sempre più spesso primi sul pallone ed i rosanero sono spesso costretti alla massima attenzione in chiave difensiva. E’ comunque del Palermo il primo tiro del secondo tempo. Potentissimo, al 6′, il destro di Jajalo da fuori area. Il tiro viene però respinto da un difensore empolese.

I toscani ci provano un minuto più tardi con una punizione di Maccarone che termina alta. Al 12′ episodio dubbio in area rosanero. Daprelà contrasta da dietro Vecino, Cervellera lascia proseguire. I rosanero devono effettuare un’altra sostituzione obbligata al quarto d’ora. Gonzalez alza bandiera bianca, Maccarone prova ad approfittarne prima dell’ingresso in campo di Terzi. Il tiro sotto misura del numero 7 azzurro viene respinto in corner.

A suonare la carica per i rosanero ci pensa Iachini. Dalla panchina si alza Belotti, in campo al posto di Rispoli. Al 29′ è proprio il “Gallo” ad avviare un’azione che Vazquez prova a finalizzare con un tiro dal limite. Il tentativo dell’argentino viene respinto, sulla ribattuta Chochev conclude al volo ma non centra i pali.

Il finale di partita, nel quale l’Empoli inserisce Zielinski e Mchedlidze per provare ad aumentare la spinta offensiva, si apre con un’occasione per la squadra di Sarri. Su un pericoloso cross di Hysaj è bravissimo Vitiello a salvare su Maccarone, pronta a tirare. I minuti conclusivi sono ricchi di occasioni. Al 40′ apre le danze Dybala, con uno splendido destro al volo su cross di Vazquez. Il pallone sibila a pochi centimetri dalla traversa. Due minuti più tardi un suggerimento di Terzi permette al numero 9 di involarsi verso la porta, ma Sepe stoppa l’argentino in uscita. Poco dopo, l’ultima chance è per Mchedlidze, che manda alto a due passi dal gol su cross di Verdi.

La sfida finisce senza reti e con un punto a testa. Il Palermo può recriminare per non aver saputo capitalizzare le occasioni avute nel primo tempo e per i due cambi obbligati che hanno condizionato i secondi quarantacinque minuti sul piano delle energie. I rosanero salgono a quota 34 punti in classifica, da stasera l’attenzione è rivolta verso la sfida di Cesena.

2 Comments

  1. curvasud

    1 marzo 2015 at 22:41

    Ottimo articolo

    • RosaNero Boys

      4 marzo 2015 at 13:33

      Grazie Mille